Pubblicato il 9 Giu 2020

Credito di imposta per i canoni di locazione

L’agenzia delle entrate con la circolare 14/E del   giugno 2020 ha dato agli inquilini coinvolti dalla crisi economica conseguente all’epidemia COVID – 19, le istruzioni necessarie per recuperare parte del canone di affitto dovuto nei mesi di marzo aprile e maggio 2020.
 

A chi spetta il credito d’imposta?

Il credito di imposta è riconosciuto agli inquilini imprese (ditte individuali, società di persone, società  di capitali e studi professionali gestiti in forma autonomo ed associata).
Sono incluse nell’agevolazione anche le imprese in regime forfettario e gli imprenditori agricoli che determinano il reddito su basa catastale.

 
Limiti dei ricavi o compensi?

Il conduttore  deve aver conseguito nell’anno 2019 un volume di ricavi o compensi non superiore a 5 milioni di euro  (questo limite non si applica alle attività alberghiere ed agrituristiche).

Per quali immobili si può avere l’agevolzione?

Il credito di imposta nella misura del 30% e del 60% spetta per i seguenti canoni:

  1. canoni di locazione ad uso non abitativo destinati allo svolgimento dell’attività industriale, commerciale, artigianale, agricola, di interesse turistico o all’esercizio abituale e professionale dell’attività di lavoro autonomo
  2. contratti di servizi a prestazioni complesse o di affitto d’azienda, comprensivi di almeno un immobile a uso non abitativo destinato allo svolgimento dell’attività industriale, commerciale, artigianale, agricola, di interesse turistico o all’esercizio abituale e professionale dell’attività di lavoro autonomo

Possono usufruire del credito di imposta anche gli immobili abitativi dei professionisti se destinati sia all’attività professionale che all’uso personale e familiare se hanno i requisiti per essere dedotti fiscalmente. In questo caso il credito di imposta viene calcolato sul 50% del canone.

Come dimostra il conduttore di aver subito la crisi economica per effetto della pandemia COVID-19?

Il credito di imposta viene riconosciuto ai conduttori per i mesi di marzo aprile e maggio se hanno subito un calo del fatturato di almeno il 50% rispetto all’anno precedente
Il calcolo va quindi fatto seguendo le regole IVA.

Misura del credito d’imposta

Il credito d’imposta ammonta:
al 60 per cento del canone locazione degli immobili ad uso non abitativo;
– al 30 per cento del canone nei casi contratti di affitto d’azienda.
Il credito di imposta spetta solo dopo  che  il canone di locazione è stato pagato. Il pagamento può avvenire anche mediante compensazione con la cessione del credito di imposta al locatore.

Modalità di utilizzo del credito

Il credito di imposta può essere fruito dal conduttore direttamente nei seguenti modi:

  • Mediante compensazione con i versamenti eseguiti tramite F24;
  • nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta 2020;

oppure il conduttore può cedere il credito di imposta al locatore o ad altri soggetti compresi gli istituti di credito.
Per eseguire la compensazione del credito di imposta è stato istituito il codice tributo 6920 denominato «Credito d’imposta canoni di locazione, leasing, concessione o affitto d’azienda – articolo 28 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34»,
Nei casi di utilizzo diretto da parte del conduttore, il credito spettante e i corrispondenti utilizzi andranno indicati nel quadro RU della dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta nel quale la spesa relativa ai canoni agevolabili si considera sostenuta, specificando sia la quota utilizzata in dichiarazione sia la quota compensata tramite modello F24. L’eventuale residuo sarà riportabile nei periodi d’imposta successivi e non potrà essere richiesto a rimborso.
Devono essere chiarita la procedura per eseguire la cessione del credito d’imposta
Si precisa infine che il provento per il locatario fruitore del credito sarà considerato:

  • non imponibile ai fini della formazione del reddito ai fini delle imposte sui redditi;
  • non imponibile ai fine del calcolo del valore della produzione ai fini Irap;
  • non rilevante ai fini del rapporto di deducibilità degli interessi passivi, di cui all’articolo 1 del TUIR;
  • non rilevante ai fini del rapporto di deducibilità dei componenti negativi, di cui all’articolo 109, comma 5, del TUIR.

In relazione al cessionario, invece, qualora il valore nominale del credito ceduto sia maggiore rispetto al corrispettivo pattuito con il cedente, emerge una sopravvenienza attiva che concorre alla formazione del reddito e del valore della produzione netta secondo le ordinarie modalità

Articoli correlati

Il Regime Impatriati - Novità 2022

I lavoratori rientrati dall'estero possono beneficiare del regime impatriati…

Regime forfettario significato e come funziona

Perché il regime forfettario si chiama così? Cosa si…

Fattura Forfettario: novità 2022

Cosa è una fattura? Cosa si intende per fattura…

Contributi previdenziali - lavoratore dipendente con Partita IVA

Un lavoratore dipendente full time deve pagare ulteriori contributi…

Vendere su Shopify senza Partita Iva - Guida 2022

E' possibile vendere su Shopify senza Partita Iva? Come…

Obbligo fattura elettronica forfettario - 1 luglio 2022

Obbligo forfettari fatturazione elettronica forfettario – 1 luglio 2022…

Vendere su Amazon senza Partita Iva ? - Ateco 47.91.10

E’ possibile vendere su Amazon senza partita iva? Purtroppo…

Quanti contributi previdenziali pagano le imprese iscritte alla gestione INPS Commercianti

Contributi INPS gestione commercianti - quanto e come devo…

Regime forfettario: aliquota al 5% per i primi 5 anni

In quali casi il contribuente in regime forfettario può…

Ditta in regime forfettario con redditività al 78%

Quante imposte e contributi deve pagare una ditta individuale…
Servizio perfetto, sempre disponibili, precisi ed esaustivi. Al contrario degli altri commercialisti online loro sono veri commercialisti e non consulenti. Super consigliato!
Adem Hoxha
Fido commercialista è un servizio veramente incredibile e lo consiglio vivamente a tutti. I prezzi sono in linea con la normalità e il servizio è veramente ottimo: intanto hai una piattaforma che ti permette di gestire al meglio tutta la contabilità e si guadagna in salute mentale. Il servizio di fatturazione elettronica è incluso e anche la firma digitale. Il professionista che ci è stato assegnato (Nicola Primieri) è estremamente preparato e sempre disponibile e gentile a seguire le nostre esigenze e/o a risolvere eventuali dubbi.
Melissa D'Ambrosio
Ho avuto modo di provare alcuni servizi di FidoCommercialista, e sono rimasto particolarmente soddisfatto. Pur essendo la contabilità gestita online, si viene affidati a un Commercialista e ci si trova a parlare sempre con lo stesso professionista (fattore che ritengo importantissimo)...
Massimiliano De Stefani
Un'equipe di ottimi professionisti, gentili, pazienti, preparati e sempre pronti a fornire consigli e risposte. Servizio impeccabile di consulenza immediata. Non avrete bisogno di ricordarvi le scadenze fiscali, ci pensano loro e se non hanno un riscontro immediato dal cliente, insistono finché questo non esegue il suo compito. Sempre e comunque al suo fianco per ogni necessità.
Lorella Mantino
Fidocommercialista è un servizio davvero utile ed estremamente efficace. Posso sempre contare sul supporto di un team di commercialisti preparati e disponibili che segnalano criticità ed opportunità in maniera tempestiva. In più ho un commercialista del team assegnato a me a cui posso sempre rivolgermi per qualsiasi problematica ed è velocemente raggiungibile da remoto via mail o organizzando un incontro in videoconferenza.
verdinelli Francesco Verdinelli
Grazie a FidoCommercialista non dobbiamo più preoccuparci della gestione aziendale riguardante tassazione e dichiarazioni del ricavato. Prezzo conveniente e assistenza immediata da più specialisti sono le peculiarità del servizio, permettendoci di dedicare più tempo ai nostri obiettivi.
Sellix Sellix.io
Fidocommercialista lo abbiamo trovato fin da subito chiaro e trasparente, prezzi in linea con il mercato, forse più conveniente di altri, ma la cosa che abbiamo apprezzato è che non c'è nemmeno bisogno di effettuare un preventivo visto che i prezzi sono già pubblicati chiaramente. In aggiunta sono molto presenti, generalmente rispondono alle email in giornata e quando c'è bisogno sono disponibili a conference call.
italian elite italianelite.eu
Professionalità e assistenza, seguono il cliente passo passo non limitandosi ad indicare il mero pagamento di tasse alla scadenza, come capita in altri studi commerciali. Personalmente ci sta seguendo Giacomo, e per il momento possiamo dirci soddisfatti del suo operato.
Irina Volontir Irina Volontir
Professionali, disponibili, pazienti e competenti. Ho disdetto un contratto appena stipulato per passare a FIDOCOMMERCIALISTA
Anna Lupi Anna Lupi

Competenti e sempre disponibili. Ottimo servizio, come in studio dal commercialista di fiducia, ma ancora più veloce dato che sono presenti anche in chat sulla piattaforma. Ho a disposizione tutto quello che mi serve per gestire le mie attività e se ho dei dubbi basta chiedere. Davvero soddisfatta!

Martina Buchetti Martina Buchetti
Sono molto professionali, cordiali e precisi consiglio assolutamente
Nicola Casolani Nicola Casolani

Prenota la tua prima consulenza gratuita

Un Commercialista iscritto all’Albo ti ascolterà per proporti la scelta fiscale più adatta alle tue esigenze.
Puoi procedere
Inserisci il tuo nome e il tuo cognome per procedere
Puoi procedere
Inserisci il tuo recapito telefonico per procedere
Puoi procedere
Inserisci la tua email per procedere
Puoi procedere
Imposta una password per procedere
Puoi procedere
Questo campo è obbligatorio
È necessario acconsentire all'informativa sulla Privacy per essere contattato da un nostro Commercialista
(*) campo obbligatorio
Error