PROMOZIONE BLACK FRIDAY Fino al 30 novembre usa il coupon FIDO per avere 30,50 € di sconto su tutti i nostri abbonamenti
ACCEDI INIZIA ORA

Dichiarazione dei redditi Lavoratore Autonomo in Forfettario

Quando e quanto dovrà pagare un lavoratore autonomo? Cosa aspettarsi dalla dichiarazione dei redditi senza ricevere brutte sorprese?

dichiarazione lavoratore autonomo

I calcoli per la Dichiarazione dei redditi

Vediamo di seguito quante imposte e contributi dovrà pagare un lavoratore autonomo in regime forfettario “senza cassa previdenziale” iscritto alla Gestione Separata INPS.

Ipotizzando che un lavoratore autonomo decida di aprire la partita iva nell’anno X.

Possedendo i requisiti per l’accesso al regime forfettario, potrà beneficiare di una deduzione forfettaria dei costi sul fatturato, e di un’aliquota d’imposta ridotta al 5% se si tratta di una nuova attività. Per maggiori informazioni sul regime forfettario cliccare qui.

Per l’anno in cui è stata aperta la partita iva, il lavoratore autonomo iscritto alla gestione separata INPS non pagherà nulla.

E’ importante però che il lavoratore autonomo sappia quanto debba aspettarsi di pagare al momento della dichiarazione dei redditi per non avere brutte sorprese.

I primi importi da pagare saranno calcolati in sede di dichiarazione dei redditi, a Giugno dell’anno X + 1.

In questa sede saranno calcolati sui redditi conseguiti nell’anno X sia i contributi da pagare, che l’imposta sostitutiva.

Essendo già a metà dell’anno X + 1, viene richiesta una “prima rata” per l’anno in corso (acconto).

Tale acconto è pari a:

– 40% dei contributi INPS dovuti per l’anno X

– 50% dell’imposta dovuta per l’anno X

Un secondo acconto dello stesso importo dovrà essere versato a Novembre.

Gli acconti sono obbligatori. Potranno non essere versati soltanto in caso di chiusura in corso d’anno dell’attività, o di sostanziale inattività.

A quanto ammontano i contributi INPS Gestione Separata?

Per i redditi conseguiti nel 2020, il contributo INPS Gestione separata ammonta al 25,72% del reddito imponibile previdenziale.

Applicando l’aliquota del 25,72% al Reddito Previdenziale calcolato come sopra detto, si ottengono i contributi da versare.

Per i redditi conseguiti nel 2021 è stato previsto un aumento dell’aliquota contributiva dello 0,26%, e dello 0,51% per il 2022 e 2023.

Per ulteriori informazioni sulle aliquote consultare l’INPS.

Vediamo un esempio per la Dichiarazione dei Redditi:

Ipotizziamo che Tizio abbia aperto la p.i. nel 2020. Per tutto l’anno 2020 non pagherà né imposte e né contributi.

Arrivati a Giugno 2021 verrà predisposta la dichiarazione dei redditi (modello Unico) relativa al 2020.

Ipotizziamo che Tizio abbia incassato 15.000€ nel corso dell’anno. Ipotizziamo inoltre che Tizio abbia un Codice Ateco con redditività al 67%.

calcolo dichiarazione 1

Gli importi dovuti dalla Dichiarazione dei Redditi per l’anno 2020 sono pari a:

  • INPS –> 2.584,86€
  • Imposta Sostitutiva –> 373,26€

Oltre agli importi relativi al 2020, essendo già a metà 2021, sarà richiesto un acconto (prima rata) per l’anno in corso pari a:

  • INPS –> 1.033,94€ (40%)
  • Imposta sostitutiva –> 186,63€ (50%)

Stesso acconto sarà dovuto a Novembre.

A Giugno 2022 sarà predisposta la dichiarazione dei redditi relativa al 2021 e verranno sottratti agli importi dovuti quanto già versato nei due acconti. Potrà emettere un debito a saldo o un credito da utilizzare nella dichiarazione dei redditi dell’anno successivo.

Perchè scegliere un commercialista online?

Il commercialista online è un professionista che ha saputo sfruttare innovative tecnologie digitali per offrire un servizio su tutto il territorio nazionale e superare le barriere dello studio tradizionale.

Un commercialista online opera esclusivamente su internet e svolge ovviamente tutti i compiti di un commercialista classico, con degli enormi vantaggi per il cliente. Il servizio:

  • è più comodo – non dovrai recarti dal consulente ma potrai contattarlo ovunque ti trovi via chat, telefono o video-call.
  •  la qualità del servizio è migliore perché l’utilizzo di avanzate tecnologie ti permette di avere una dashboard in grado di monitorare l’andamento della tua attività in tempo reale e di ricevere assistenza in qualsiasi momento.
  • ha un prezzo più competitivo – infatti l’utilizzo della tecnologia permette al commercialista online di avere costi più bassi nei servizi offerti e di conseguenza può garantire ai propri clienti un costo molto più competitivo di un commercialista offline

 

Fidocommercialista con la sua piattaforma innovativa e un team di consulenti ed esperti contabili permette ai propri clienti di far risparmiare tempo e denaro garantendo un’elevatissima qualità del servizio offerto.

I servizi offerti sono da Fidocommercialista sono:

  • Consulente fiscale dedicato con cui interagire durante la giornata ponendogli qualsiasi quesito in materia fiscale.
  • Gestione economica e finanziaria grazie alla nostra dashboard con indici aggiornati in tempo reale in grado di monitorare l’andamento della propria attività e controllare scadenze di incassi e pagamenti in qualsiasi momento.
  • Software di fatturazione, se non hai un software di fatturazione te lo diamo noi compreso nel prezzo, se invece già utilizzi un software di fatturazione e non intendi cambiarlo ci integriamo facilmente con il tuo.
  • Archiviazione documentale, uno spazio online su cui poter mettere tutti i documenti inerenti la propria attività professionale.

 

Ti potrebbero interessare anche

FidoNews

Black Friday 2021 con FidoCommercialista

Il Black Friday sta arrivando per FidoCommercialista: acquista entro il 30/11/2021 e beneficierai di uno sconto!

Giacomo Bucaccio

12/Novembre/21

FidoNews

Che contributi previdenziali pagano le imprese artigiane iscritte in Camera di Commercio?

Contributi INPS gestione artigiani – quanto e come si deve pagare?

Luca Primieri

19/Ottobre/21

FidoNews

Che contributi previdenziali pagano le imprese iscritte in Camera di Commercio non artigiane?

Contributi INPS gestione commercianti – quanto e come devo pagare?

Luca Primieri

19/Ottobre/21

FidoNews

Società Benefit

Le Società Benefit (SB) possono richiedere entro il 31/12/2021 il riconoscimento di un contributo sotto forma di credito d’imposta nella misura del 50% dei costi di costituzione o trasformazione in società benefit.

Luca Primieri

22/Settembre/21

Start Up Innovativa

Covid: utilizzo del green pass nei luoghi di lavoro

Dal 15 ottobre 2021 i lavoratori devono avere il green pass per accedere nei luoghi di lavoro

Giuseppe Bordoni

21/Settembre/21

FidoNews

Esonero contributi previdenziali per il 2021

Con gli ultimi provvedimenti attuativi è possibile presentare telematicamente la domanda di esonero parziale per l’anno 2021 dal versamento dei contributi previdenziali dovuti dai lavoratori autonomi e dai liberi professionisti

Giacomo Bucaccio

26/Agosto/21

FidoNews

Regime forfettario: aliquota al 5% per i primi 5 anni

In quali casi il contribuente in regime forfettario può beneficiare dell’aliquota ridotta al 5%?

Giacomo Bucaccio

16/Luglio/21

Commercianti

Dichiarazione dei redditi Lavoratore Autonomo in Forfettario

Quando e quanto dovrà pagare un lavoratore autonomo? Cosa aspettarsi dalla dichiarazione dei redditi senza ricevere brutte sorprese?

Giacomo Bucaccio

08/Luglio/21

FidoNews

Ditta in regime forfettario con redditività al 78%

Quante imposte e contributi deve pagare una ditta individuale in regime forfettario con redditività al 78%? Come calcolare il reddito imponibile previdenziale e fiscale?

Giacomo Bucaccio

02/Luglio/21

Commercianti