Pubblicato il 19 Mag 2022

Prestazione Occasionale – Le novità dal 2022

Introduzione alla prestazione occasionale

Quando l’attività di impresa o di lavoro autonomo è solo occasionale non è necessario aprire partita IVA.
E’ molto importante conoscere la linea di demarcazione tra una attività di impresa o di lavoro autonomo svolta abitualmente o in modo occasionale.
Labitualità si diversifica dall’occasionalità in quanto quest’ultima implica attività episodichesaltuarie e comunque non programmate.
Più precisamente è necessaria la verifica dei seguenti aspetti:

  • Il primo aspetto è che una attività occasionale è priva di subordinazione e di coordinamento di altre persone altrimenti sarebbe una attività di lavoro dipendente.
  • Il secondo aspetto è  l’occasionalità dell’attività  e si intende che è  svolta in modo saltuario (non abituale) ed è priva del requisito dell’organizzazione e della professionalità.

La professionalità sussiste quando il contribuente pone in essere una molteplicità di atti coordinati e finalizzati ad un identico scopo con regolarità, stabilità e sistematicità.
L’occasionalità non deve essere verificata con riferimento all’importo degli incassi, ma assume rilievo decisivo il fatto che le stesse siano ripetuti nel tempo in quanto è un indice dell’esistenza di regolarità, stabilità e sistematicità.

La scelta inizialmente più corretta molto spesso è quella del regime forfettario. Tuttavia consigliamo di valutare caso per caso con un Dottore Commercialista.

Le novità previste per la prestazione occasionale:

La legge n. 215/2021 ha introdotto dal 21 dicembre 2021 l’obbligo, per il committente che stipula un contratto di collaborazione occasionale ex art. 2222 del Codice civile, di effettuare una preventiva comunicazione all’Ispettorato Territoriale del Lavoro (INL) competente per territorio per non incorrere in sanzioni.

I requisiti che caratterizzano il lavoro autonomo occasionale oggetto del nuovo adempimento di comunicazione sono:
– l’autonomia, in relazione alle modalità e ai tempi di svolgimento del servizio o di realizzazione dell’opera;
– l’occasionalità dell’attività svolta o realizzata;
– il mancato inserimento nell’organizzazione dell’azienda per la quale si svolge il lavoro;
– l’assenza del vincolo di subordinazione con il committente;
– la corresponsione di un corrispettivo.

Aspetti previdenziali per la prestazione occasionale:

Sotto il profilo previdenziale, occorre evidenziare che i compensi percepiti con prestazione occasionale fino a 5.000 euro non sono soggetti al prelievo previdenziale.
Al superamento della franchigia dei 5.000 euro, il prestatore deve iscriversi alla Gestione separata INPS ed esporre sulla ricevuta di pagamento il contributo previdenziale previsto.
Il contributo dovuto sarà per 2/3 a carico del committente e per 1/3 a carico del lavoratore.

Aspetti fiscali della prestazione occasionale:

La prestazione occasionale viene tassata dalle aliquote IRPEF.
Se il committente della prestazione occasionale è un sostituto d’imposta, tratterrà sul pagamento una ritenuta d’acconto pari al 20% del compenso lordo.
Se il committente non è un sostituto d’imposta verrà pagato il compenso lordo. Tale compenso verrà poi tassato in sede di dichiarazione dei redditi.
I compensi ricevuti con prestazione occasionale si andranno a cumulare con eventuali altri redditi soggetti ad IRPEF.
In sede di dichiarazione dei redditi verranno inseriti nel quadro Redditi Diversi (RL).
L’imposta da versare verrà calcolata secondo le aliquote progressive IRPEF sul reddito complessivo.
L’imposta sarà nettata da eventuali ritenute d’acconto trattenute.
Se il contribuente non ha altri redditi e rientra quindi nella no tax area prevista dall’IRPEF, potrebbe recuperare le eventuali ritenute d’acconto subite in sede di pagamento del compenso.
Di seguito le nuove aliquote IRPEF in vigore dal 2022.
aliquote irpef 2022

Confronto tra Prestazione Occasionale e P.I. in Regime Forfettario. Esempio:

Oltre agli obblighi relativi all’apertura della p.i. evidenziati in cima all’articolo, non sempre la prestazione occasionale è più conveniente rispetto alla fatturazione con p.i. in regime forfettario.
Questo si verifica in particolar modo per i contribuenti che hanno già altri redditi soggetti ad IRPEF.
Ipotizziamo che Antonella lavora come docente pubblico, con reddito da lavoro dipendente pari a 28.000€. Occasionalmente Antonella consegna cibo a domicilio per Deliveroo o Glovo. Alla fine dell’anno ha percepito compensi pari a 5.000€ per l’attività di rider.
Se Antonella si fa pagare questi compensi con prestazione occasionale, le verrà trattenuta subito una ritenuta d’acconto pari al 20%. Trattandosi solo di un “acconto” sull’imposta, dovrà poi integrare l’IRPEF di un ulteriori 15% in sede di dichiarazione dei redditi, essendo il reddito complessivo superiore a 28.000€. Complessivamente quindi i 5.000€ incassati come rider dovrà pagare 1.350€ di imposta.
Se invece Antonella decidesse di aprire una partita iva in regime forfettario, sugli importi fatturati pagherà soltanto il 5% di imposta, calcolato a forfait sul 67% del Suo fatturato. Quindi sui 5.000€ incassati pagherà soltanto 167,50€ di imposta. Non dovrà pagare ulteriori contributi INPS avendo già una posizione previdenziale come dipendente full time.

Confronto tra Prestazione Occasionale e P.I. in Regime Semplificato. Esempio:

Accade spesso che il contribuente che svolge lavoro occasionale non abbia i requisiti per beneficiare del regime forfettario (ad esempio è lavoratore dipendente con un reddito  > 30.000€, oppure risulta socio di società di persone).

Se ricevesse dei pagamenti per prestazioni occasionali, l’intero importo ricevuto si andrebbe a cumulare con gli altri redditi e pagherebbe quindi l’IRPEF con aliquota corrispondente allo scaglione del reddito complessivo.

Aprendo la p.i. in regime semplificato potrà dedurre (scaricare) dal reddito ottenuto tutti i costi che sostiene inerenti l’attività. Non sarà quindi l’intero compenso ricevuto ad esser tassato (come nel caso della prestazione occasionale), ma soltanto la differenza tra FATTURATO – COSTI.

Ho avuto modo di provare alcuni servizi di FidoCommercialista, e sono rimasto particolarmente soddisfatto. Pur essendo la contabilità gestita online, si viene affidati a un Commercialista e ci si trova a parlare sempre con lo stesso professionista (fattore che ritengo importantissimo)...
Massimiliano De Stefani
Un'equipe di ottimi professionisti, gentili, pazienti, preparati e sempre pronti a fornire consigli e risposte. Servizio impeccabile di consulenza immediata. Non avrete bisogno di ricordarvi le scadenze fiscali, ci pensano loro e se non hanno un riscontro immediato dal cliente, insistono finché questo non esegue il suo compito. Sempre e comunque al suo fianco per ogni necessità.
Lorella Mantino
Fidocommercialista è un servizio davvero utile ed estremamente efficace. Posso sempre contare sul supporto di un team di commercialisti preparati e disponibili che segnalano criticità ed opportunità in maniera tempestiva. In più ho un commercialista del team assegnato a me a cui posso sempre rivolgermi per qualsiasi problematica ed è velocemente raggiungibile da remoto via mail o organizzando un incontro in videoconferenza.
verdinelli Francesco Verdinelli
Grazie a FidoCommercialista non dobbiamo più preoccuparci della gestione aziendale riguardante tassazione e dichiarazioni del ricavato. Prezzo conveniente e assistenza immediata da più specialisti sono le peculiarità del servizio, permettendoci di dedicare più tempo ai nostri obiettivi.
Sellix Sellix.io
Fidocommercialista lo abbiamo trovato fin da subito chiaro e trasparente, prezzi in linea con il mercato, forse più conveniente di altri, ma la cosa che abbiamo apprezzato è che non c'è nemmeno bisogno di effettuare un preventivo visto che i prezzi sono già pubblicati chiaramente. In aggiunta sono molto presenti, generalmente rispondono alle email in giornata e quando c'è bisogno sono disponibili a conference call.
italian elite italianelite.eu
Professionalità e assistenza, seguono il cliente passo passo non limitandosi ad indicare il mero pagamento di tasse alla scadenza, come capita in altri studi commerciali. Personalmente ci sta seguendo Giacomo, e per il momento possiamo dirci soddisfatti del suo operato.
Irina Volontir Irina Volontir
Professionali, disponibili, pazienti e competenti. Ho disdetto un contratto appena stipulato per passare a FIDOCOMMERCIALISTA
Anna Lupi Anna Lupi

Competenti e sempre disponibili. Ottimo servizio, come in studio dal commercialista di fiducia, ma ancora più veloce dato che sono presenti anche in chat sulla piattaforma. Ho a disposizione tutto quello che mi serve per gestire le mie attività e se ho dei dubbi basta chiedere. Davvero soddisfatta!

Martina Buchetti Martina Buchetti
Sono molto professionali, cordiali e precisi consiglio assolutamente
Nicola Casolani Nicola Casolani

Fissa la tua prima consulenza gratuita

Parla con uno dei nostri Dottori Commercialisti iscrittti all’Albo per una prima consulenza gratuita. Ascolteremo le tue esigenze per darti consigli fiscali sempre aggiornati.
Puoi procedere
Inserisci il tuo nome e il tuo cognome per procedere
Puoi procedere
Inserisci il tuo recapito telefonico per procedere
Puoi procedere
Inserisci la tua email per procedere
Puoi procedere
Imposta una password per procedere
È necessario acconsentire all'informativa sulla Privacy per essere contattato da un nostro Commercialista
(*) campo obbligatorio
Error